Stai vivendo coscientemente in un mondo inconscio?

  • John Boone
  • 0
  • 3931
  • 607

Potresti aver notato che il nostro mondo è qualcosa di un posto caotico ultimamente. Forte. Rumoroso. Frantic. Arrabbiato. Violento. Timorosi. Guarda le notizie. In realtà, no. E per "mondo" intendo il mondo fisico in cui viviamo, non quello creato da noi stessi nella nostra testa. Anche quello può essere un posto davvero orribile. Quando lo lasciamo essere.

Una ricerca personale

Per me, gran parte dell'ultimo decennio è stata una sorta di spedizione personale al di là del mondo della logica, del mondo accademico, degli affari, del pensiero convenzionale, della religione e persino (l'approccio tradizionale allo sviluppo personale). Mentre tutte queste cose hanno uno scopo e un valore (ovviamente), volevo vedere cosa vite oltre loro. Dopotutto, a volte termini come "logica" e "buon senso" sono solo eufemismi per paura e non-conoscenza-nulla-diverso. E, per essere completamente onesto, a volte il successo non si sente molto, molto successo.

Se capisci cosa intendo.

Una realizzazione

Sono arrivato ad un punto della mia vita in cui avevo la sensazione opprimente che, nonostante la mia istruzione ragionevole, la mia carriera di successo e presunto Conoscenza e intelligenza, mi mancava qualcosa che potesse essere fondamentale per la mia esistenza, il mio futuro e la mia crescita potenziale. Volevo vedere cosa esisteva oltre la mia programmazione. Oltre la mia (allora) "visione del mondo attuale". Il mio condizionamento sociale. La mia impostazione predefinita. La mia zona di comfort. La mia educazione formale Le mie convinzioni auto-limitanti. Le mie aspettative Le mie paure E i miei pregiudizi.

Ho considerato l'idea che forse il mio concetto di come il mondo e tutte le sue complicazioni "funzionassero" (vita, morte, persone, relazioni, spiritualità, ricchezza, felicità, miseria, successo, insuccesso, paura, destino, ecc.) Fosse il vero cosa che mi ha trattenuto. Ho anche considerato l'idea che forse la mia mente iperconsiderata era, ironia della sorte, la mia barriera all'apprendimento, alla comprensione e al godermi un nuovo modo di essere. Volevo saperne di più sul mio io non cerebrale. Pubblicità

Potrebbe essere che in qualche modo, con alcuni problemi, mi mancava il punto? La mia mente potrebbe essere un handicap (con alcune cose)? Potrebbe essere che mi hanno insegnato cose - forse molte cose - che semplicemente non sono vere? O forse, non è vero per me. Ma sicuramente se abbastanza persone credono la stessa cosa, deve essere vero?

Gran parte delle informazioni (insegnate) che tu e io riceviamo (dalla scuola materna in poi) ci dicono che il successo, e quindi la felicità, riguarda in gran parte ciò che possiamo accumulare, fare, raggiungere, controllare, possedere e somigliare. Ho deciso di esplorare come il successo potrebbe sembrare lavorare dall'interno verso l'esterno e non viceversa (il modello convenzionale).

Un assaggio di ciò che potrebbe essere

Hai mai avuto un'esperienza, forse un breve momento nel tempo, quando una porta per un mondo diverso è stata aperta per te? Forse un momento in cui hai intravisto qualcosa di più della tua attuale percezione della realtà? Un momento in cui segretamente (o forse apertamente) hai messo in discussione tutto ciò che hai sempre pensato, creduto e conosciuto? Un momento in cui hai capito che forse esiste un modo diverso di "fare" la vita? Un modo diverso di vivere, pensare (o non pensa), senti e sii?

Per me, ci fu un momento in cui mi resi conto che il modo in cui vedevo il mondo era solo questo: la via io l'ho visto. La mia versione della realtà. E questo di per sé può essere un limite. Non deve essere, ma può essere. Questa realizzazione, questo risveglio, fu l'inizio del mio viaggio verso la coscienza. O, dovrei dire, una versione più consapevole di me. Mi sono impegnato a diventare più consapevole, più aperto e meno "giusto". Dannazione bisogno avere ragione.

Decisi di smettere di pensare che sapessi così tanto, di smettere di assumere e di smettere di trovare conforto e sicurezza nel familiare e nel cervello. E no, non avevo intenzione di diventare una sorta di guru mistico, magico, onnisciente, sandalo, che indossa sandali, che vive in una grotta e scrive testi sacri su pergamena (anche se non mi dispiace un buon sandalo e mi piace un bel pezzo di pergamena), ma piuttosto un semplice e speranzoso desiderio di diventare una persona più consapevole, consapevole e umile.

Una parabola

Immagina di aver passato tutta la vita in una città di medie dimensioni (probabilmente non un tratto per alcuni di voi). E vivendo in quella città di medie dimensioni, i tuoi genitori ti hanno sempre avvisato, no, ti hanno ordinato, di non avventurarti in certe strade o di entrare in certe zone. Per il tuo bene. Ti hanno detto di non scendere per quelle strade perché è pericoloso. Unsafe. Potresti farti male. Le cose brutte accadono lì. Da quando eri un bambino, ti è stato insegnato che tutto ciò che avevi sempre bisogno di felicità e sicurezza esisteva nella "tua parte" della città. Pubblicità

Leggi Successivo

10 piccole modifiche per far sentire la tua casa come una casa
Cosa rende felici le persone? 20 segreti delle persone "sempre felici"
Come affinare le tue abilità trasferibili per un interruttore di carriera rapido
Scorri verso il basso per continuare a leggere l'articolo

Stranamente, nessuno nella tua parte della città sembrava mai particolarmente felice.

Poi un giorno sei un adulto e prendi una decisione coraggiosa di parlare con i tuoi genitori della vita oltre la zona di sicurezza. Sei stato incuriosito da tanto tempo ma nessuno lo discute mai. Mai. Ti chiedi perché? Ti senti ora abbastanza grande per sapere esattamente cosa si trova al di là di quelle strade sicure e familiari (e siamo oneste, noiose). Vuoi sapere di più. Per avere un'idea di un mondo oltre l'unico che tu abbia mai sperimentato.

Raccogli il coraggio di chiedere a tuo padre esattamente com'è in quelle strade proibite. Vuoi dettagli? Digli che è ora. Tu fai la domanda e lui ti fissa in modo assente. Lui non dice niente. Sembra un po 'colpevole e imbarazzato; due sguardi che non hai mai visto prima. Chiedi di nuovo. Più silenzio Il tuo stomaco affonda un po 'mentre inizi a realizzare qualcosa. Qualcosa di grande Guardi tua madre. Si stringe nelle spalle e guarda a terra. Lo stomaco ti agita. Ti rendi conto che non sono mai stati lì. Non hanno risposte per te. Solo paura Paura dell'ignoto.

Ti hanno addestrato ad essere terrorizzato da qualcosa di cui non sanno nulla. Proprio come loro stessi erano addestrati.

In preda alla disperazione, corri al telefono e chiami tuo nonno: il vecchio patriarca della famiglia. Lui saprà. Lui sa tutto. Due minuti dopo hai messo giù il telefono. Frantumato e disilluso, cammini lentamente verso la finestra. Ti senti fisicamente malato. Stai a guardare fuori e ti chiedi cosa ci sia oltre il tuo ambiente familiare. All'improvviso, quelle strade che conosci così bene sono venute a rappresentare qualcos'altro. In un batter d'occhio si decide di fare un viaggio. Dì ai tuoi genitori preoccupati che stai andando in viaggio. Si lasciano prendere dal panico. Protestano. Paura dell'ignoto.

Hanno costruito la loro prigione. E tu decidi di essere stato un detenuto per troppo tempo. Pubblicità

Riempi uno zaino con delle provviste e preparati mentalmente. Non sei sicuro di cosa mettere in valigia perché non sai dove stai andando, cosa troverai o quando tornerai. O anche, se tornerai. Esci da casa e, mentre lo fai, chiudi la porta su una vita di paura, controllo, inutile ripetizione, repressione e credenze auto-limitanti. Tu ami i tuoi genitori e loro ti amano ma, nonostante il tuo rispetto per loro e il loro apprezzamento, non li vuoi diventare.

Mentre inizi la tua passeggiata, il tuo cuore è pieno di speranza e possibilità. In un momento di chiarezza e intuizione, una piccola voce ti dice che una parte importante del viaggio è in realtà su ciò che stai lasciando alle spalle: insicurezza, paura, insicurezza, pensiero auto-limitante, regole folli e credenze distruttive.

Quando raggiungi i limiti esterni della "zona sicura", le tue paure infantili irrazionali (ma comprensibili) sono state sostituite con curiosità ed eccitazione. In poco tempo, hai viaggiato più che mai e con tua sorpresa e gioia, il nuovo posto non è affatto terrificante. In effetti, è bellissimo. E magico. Anche se non sei mai stato lì, ti senti come se fossi tornato a casa. Per la prima volta in assoluto, ti senti come se fossi parte.

La conoscenza oltre l'educazione

È mia convinzione che nel processi della vita spesso ci lasciamo separare dalla nostra intelligenza interiore. Dal "conoscere" abbiamo oltre le nostre esperienze. Oltre la nostra educazione Oltre la logica. Oltre a ciò che ci è stato detto di credere e addestrati a fare. Credo che siamo tutti nati con un'intelligenza e una consapevolezza che è fissata nel nostro DNA. Ci sono cose che "conosciamo" senza averle mai insegnato. In animali chiamiamo questo istinto.

Noi umani non abbiamo alcun problema a credere nella capacità degli animali di farlo conoscere certe cose. Tuttavia, quando si tratta di esseri umani molto istruiti, intellettuali e ipercritici, spesso troviamo modi per scartare cose come la conoscenza incorporata. O l'istinto umano. Alcuni lo chiamano intelligenza genetica. E purtroppo, per molti di noi, se non possiamo vederlo, toccarlo, misurarlo, tracciarlo o spiegarlo, non ci crederemo. O anche considerarlo.

A volte la scienza è una limitazione. Come è conoscenza Pubblicità

Essendo un alfa-maschio fondamentalmente imperfetto (ma eternamente curioso), sto ancora usando le mie ruote di allenamento per esplorare i regni della coscienza e dell'illuminazione. La mia "L" piastra è saldamente fissata al collo mentre imparo, cresciuto e continuo a fare domande. Conosco quasi nulla ma quello che io fare lo so, mi eccita. Le idee di 'sintonizzarsi' sulla mia intelligenza genetica e diventare di più consapevole essere sono cose che semplicemente mi sembrano giuste. In ritardo anche.

Scegliere di vivere coscientemente in un mondo inconscio presenta molte sfide, opportunità e lezioni. Mi offre anche la possibilità di vivere la vita oltre quelle vecchie strade familiari della mia città di medie dimensioni.

Immagine

Segui Lifehack su cinguettio o Facebook!




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Aiuto, consigli e raccomandazioni che possono migliorare tutti gli aspetti della tua vita.
Un'enorme fonte di conoscenze pratiche su come migliorare la salute, trovare la felicità, migliorare le prestazioni di una persona, risolvere problemi nella sua vita personale e molto altro.