11 Cose importanti da ricordare quando si cambiano le abitudini

  • Peter Atkinson
  • 0
  • 3153
  • 398

La maggior parte dei guru parla di abitudini in un modo che non ti aiuta:

Devi spingerti di più. Non puoi essere pigro. Devi svegliarti alle 5 del mattino. Hai bisogno di più motivazione. Non puoi mai fallire ... blah blah “inserisci più parole senza senso qui.”

Ma lascia che condivida con te le verità non convenzionali che ho scoperto:

Per costruire e cambiare abitudini, non hai bisogno di motivazione o sveglia alle 5 del mattino. Diamine, puoi fallire più volte, essere pigro, non avere motivazioni e continuare a farlo con facilità.

È abbastanza semplice e facile da fare, specialmente con il seguente elenco che ho intenzione di mostrarvi. Ma ricorda, diceva Jim Rohn,

“Ciò che è semplice e facile da fare è anche semplice e facile da non fare.”

Le cose importanti da ricordare quando si cambiano le abitudini sono semplici e facili, semplicemente non pensare che non facciano alcuna differenza perché lo fanno.

In realtà, sono le uniche cose che fanno la differenza.

Vediamo cosa sono queste piccole cose, vero??

1. Inizia piccolo

L'errore più grande che vedo le persone fare con le abitudini è andare alla grande. Non vai grande ... mai. Inizi con le tue abitudini.

Vuoi far crescere l'abitudine di leggere un libro? Non iniziare a leggere un libro al giorno. Inizia con 10 pagine al giorno.

Vuoi diventare uno scrittore? Non iniziare a scrivere 10.000 parole al giorno. Inizia con 300 parole.

Vuoi perdere peso? Non smettere di mangiare il gelato. Mangia una palla in meno.

Qualunque cosa sia, devi iniziare in piccolo. Iniziare alla grande porta sempre al fallimento. Deve, perché non è sostenibile.

Inizia in piccolo. Quanto piccolo? L'importo deve essere nella tua zona di comfort. Quindi se pensi che leggere 20 pagine di un libro sia un po 'eccessivo, inizia con 10 o 5.

Deve apparire facile ed essere facile da fare.

Fai meno oggi per fare di più in un anno.

2. Rimani piccolo

C'è una nozione di Kaizen che significa miglioramento continuo. Usano questa nozione in abitudini in cui ti dicono di iniziare leggendo una pagina di un libro al giorno e poi aumentano gradualmente l'importo che fai nel tempo. Pubblicità

Ma il problema con questo approccio è la linea di fondo - dove il “miglioramento” fermate.

Se vado dalla lettura di 1 pagina di un libro al giorno e gradualmente raggiungo 75 e 100, quando mi fermo? Quando raggiungo 1 libro al giorno? Questo è semplicemente assurdo.

Quando inizi un'abitudine, rimani nell'intensità che hai deciso. Non spingere te stesso per di più.

Ho iniziato a leggere 20 pagine di un libro al giorno. Sono passati più di 2 anni e ho letto 101 libri in quel periodo. In nessun modo aumenterò il numero in futuro.

Perché?

Perché leggere da 40 a 50 libri all'anno è sufficiente.

La stessa cosa vale per ogni altra abitudine là fuori.

Scegli un numero (piccolo) e resta lì.

3. I giorni brutti sono il 100% di occorrenza

Non importa quanto sei bravo, avrai brutti giorni in cui non farai la tua abitudine. Periodo.

Non c'è modo di aggirare questo. Quindi è meglio prepararsi a quando succede, invece di pensare che non accadrà mai.

Quello che faccio quando mi manca un giorno della mia abitudine è che cerco di riprendermi il giorno dopo mentre provo a fare abitudini per entrambi quei giorni.

Un esempio è che se leggo 20 pagine di un libro al giorno e mi manca un giorno, il giorno dopo dovrò leggere 40 pagine di un libro. Se mi manca scrivere 500 parole, il giorno dopo ho bisogno di scrivere 1000.

Questo è un punto davvero importante di cui discuteremo in seguito su premi e punizioni.

Questo è il modo in cui mi preparo per i brutti giorni quando salta la mia abitudine (s) ed è un modello che si dovrebbe prendere pure.

4. Coloro che la seguono, Hack It

Quando segui un'attività, puoi oggettivamente raccontare ciò che hai fatto negli ultimi giorni, settimane, mesi e anni. Se non segui, sicuramente dimenticherai tutto ciò che hai fatto.

Esistono molti modi diversi per monitorare le tue attività oggi, da Habitica a un semplice foglio Excel che uso, fino a un Whatsapp Tracker.

Disse Peter Drucker,

“Ciò che segui è ciò che fai.”

Quindi seguilo per farlo - aiuta davvero.

Ma il monitoraggio è accompagnato da un'altra attività più semplice: la misurazione.

5. Misura una volta, due volte

Anche Peter Drucker ha detto,

“Ciò che misuri è ciò che migliori.”

Quindi, insieme al mio tracker, ho numeri con cui misuro le dosi di attività giornaliere:

Per la lettura, sono 20 pagine.
Per scrivere, sono 500 parole.
Per la palestra, è 1 (sono andato) o 0 (non è andato).
Per il bilancio, si scrivono le entrate e le spese.

Monitoraggio e misurazione vanno di pari passo, richiedono meno di 20 secondi al giorno ma creano così tanto slancio che è incredibile.

6. Tutti i giorni fanno la differenza

Un giorno in palestra ti renderà in forma? Non lo farà.

Will due? Non lo faranno.

Will tre? Non lo faranno.

Il che significa che una singola sessione di allenamento non ti farà stare bene. Ma dopo 100 sessioni di ginnastica, sembrerai e ti sentirai in forma.

Quello che è successo? Quale ti ha fatto stare bene?

La risposta a questo (paradosso di Sorites)[1] è che nessuna seduta in palestra ti ha fatto stare bene, lo hanno fatto tutti.

Nessun singolo giorno fa la differenza, ma se combinati, lo fanno tutti. Quindi fidati del processo e vai avanti (piccolo).

7. Non sono mai completamente automatizzati

I guru ti dicono che le abitudini diventano automatiche. E sì, alcuni di loro lo fanno, come farsi la doccia in un certo modo di lavarsi i denti.

Ma alcune abitudini non diventano automatiche, diventano uno stile di vita.

Ciò che intendo è che non lo farai automaticamente “svegliati” in palestra e mi chiedo come sei arrivato.

Diventerà solo una parte del tuo stile di vita. Pubblicità

La differenza è che tu fai il primo automaticamente, senza pensiero cosciente, mentre l'altro è una parte di come vivi la tua vita.

Non è automatico, ma è una decisione su cui non mediti o non pensi - lo fai semplicemente.

A un certo punto diventerà facile, ma non saranno mai completamente automatizzati.

Leggi Successivo

Come rompere un'abitudine e Hack the Habit Loop
Cos'è un abitudine? Comprendi le tue abitudini per controllarle al 100%
Riscrivere come imparare nell'era dell'informazione
Scorri verso il basso per continuare a leggere l'articolo

8. Quello che hai qui non ti porterà là

Marshall Goldsmith ha un grande libro con lo stesso titolo. La frase significa che a volte, dovrai abbandonare certe abitudini per far spazio ad altre che ti porteranno al prossimo passo.

Non aver paura di evolvere le tue abitudini quando senti che non ti portano dove vuoi andare.

Quando ho iniziato a leggere, si trattava di leggere libri di economia e tattiche. Ma dopo due anni sono passato a libri di filosofia che non mi insegnano nulla “applicabile,” ma invece insegnami come pensare.

L'abilità più importante del XXI secolo è la capacità di imparare, disimparare e imparare di nuovo. L'albero più forte è il salice - non perché abbia la radice più forte o il tronco più grande, ma perché è abbastanza flessibile da sopportare e sostenere qualsiasi cosa.

Sii come un salice, adattandosi ai nuovi modi di fare le cose.

9. Imposta un obiettivo e poi dimenticalo

Il maggior successo di noi sa cosa vogliono ottenere, ma non si concentra su di esso.

Sembra paradossale? Hai ragione, lo fa. Ma ecco la logica dietro.

Devi avere l'obiettivo di fare qualcosa - “Voglio diventare un individuo sano” - e poi, devi decodificare come arrivare con le tue abitudini- “Andrò in palestra quattro volte a settimana.”

Ma una volta raggiunto il tuo obiettivo, è necessario “dimenticare” su di esso e concentrarsi solo sul processo. Perché stai lavorando per diventare sani ed è sempre in divenire. Sarai solo sano come ti prendi cura del tuo corpo.

Quindi hai un obiettivo che non è statico ma continua a muoversi.

Se sei andato in palestra 150 volte l'anno e hai raggiunto il tuo obiettivo, cosa faresti allora? Smetterei di andare in palestra.

Questo è il motivo per cui le persone orientate agli obiettivi sperimentano l'effetto yo-yo[2] e perché le persone orientate al processo non lo fanno.

La differenza tra le persone orientate al processo e orientate agli obiettivi è che il primo focus sulle azioni quotidiane mentre gli altri si concentrano solo sulla ricompensa al traguardo.

Stabilisci un obiettivo ma poi dimenticarlo e ottenere premi enormi.

10. Punisci te stesso

Le ultime due sezioni sono di puro Pavlovian: devi punire un cattivo comportamento e premiare un buon comportamento. Sei l'unica persona che decide cosa è buono e cosa è male per te, ma quando lo fai, devi seguirlo rigorosamente. Pubblicità

Vi ho detto al punto 3 sui brutti giorni e in che modo, dopo uno, raddoppio il lavoro il giorno successivo. Questa è una delle mie forme di punizione.

È il bisogno di dire al tuo cervello che certi comportamenti sono inaccettabili e che portano a risultati negativi. Ecco a cosa servono le punizioni.

Vuoi dire al tuo cervello che ci sono delle vere conseguenze nel perdere le tue abitudini quotidiane.[3]

Nessun cibo preferito da mangiare o spettacolo preferito da guardare o andare al cinema per un nuovo film Marvel - nessuno, zero, zero.

Il cervello ricorderà questi sentimenti negativi e cercherà di evitare i comportamenti che li hanno portati il ​​più possibile.

Ma non dimenticare l'altra faccia della stessa medaglia.

11. Premiati

Quando segui ed esegui il tuo piano, ricompensa te stesso. È come il cervello sa che hai fatto qualcosa di buono.

Ogni volta che finisco una delle mie abitudini per la giornata, apro il mio tracker (chi sto prendendo in giro, lo tengo sempre aperto sul mio desktop) e lo compilo con un numero. Appena ho finito di leggere 20 pagine di un libro al giorno (o un po 'di più), apro il tracker e scrivo il numero.

La cellula diventa verde e mi dà una spinta istantanea di endorfina: un grande successo per la giornata. Quindi, non si tratta di rompere la catena e di avere il maggior numero di campi verdi possibile.

Dopo 100 giorni, scruto alcuni numeri e vedo come ho fatto.

Se ho meno di 10 giorni di cheat, mi ricompenso con un ottimo pasto in un ristorante. Puoi creare i tuoi premi e possono essere giornalieri, settimanali, mensili o qualsiasi tabella di orari arbitraria che crei.

Primoz Bozic, un allenatore per la produttività, ha le medaglie d'oro, d'argento e di bronzo come suo sistema di ricompensa.[4]

Se hai problemi a creare un sistema che funziona per te, contattami via email e possiamo discutere specifiche.

Alla fine, conta

Ciò che fai è importante non solo per te, ma per le persone che ti circondano.

Quando aumenti la qualità della tua vita, aumenti indirettamente la qualità della vita delle persone intorno a te. E a volte, questo è tutto il “motivazione” dobbiamo iniziare.

E questa è la migliore citazione per la fine di questo articolo:

“La motivazione ti fa iniziare, ma le abitudini ti fanno andare avanti.”

Continua così. Pubblicità

Altre risorse per aiutarti a costruire abitudini

  • Come rompere una cattiva abitudine e riqualificare il tuo cervello
  • Comprendi le tue abitudini per controllarle al 100%
  • Come rompere un'abitudine e Hack the Habit Loop
  • Come rompere le cattive abitudini (l'unico modo efficace)

Credito fotografico in primo piano: Anete Lūsiņa tramite unsplash.com

Riferimento

[1] ^ Stanford Encyclopedia of Philosophy: Paradisi di Sorites
[2] ^ Zona muscolare: cosa causa l'effetto yo-yo e come evitarlo?
[3] ^ Abitudini di crescita: 5 errori che ti costringono a smettere di costruire un'abitudine
[4] ^ Primoz Bozic: The Lean Review: come pianificare il tuo 2019 in 20 minuti



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Aiuto, consigli e raccomandazioni che possono migliorare tutti gli aspetti della tua vita.
Un'enorme fonte di conoscenze pratiche su come migliorare la salute, trovare la felicità, migliorare le prestazioni di una persona, risolvere problemi nella sua vita personale e molto altro.