Il vero problema con la produttività

  • David Thornton
  • 0
  • 2020
  • 205

Ho una confessione: rabbrividisco alla parola produttività. Finire di fare le cose. Dire che sembra di essere contro la democrazia o l'amore o il Buddha o qualcosa del genere, ma sento che gran parte di ciò che passa per la produttività è semplicemente un fare ubercybersonic vestito con facce felici. Organizzazione, realizzazione, misurazione dell'efficacia: tutti questi strumenti e sistemi sono fantastici, ma se la nostra determinazione mascherasse un nucleo vuoto o ci rifornisse di carburante per evitare la vita che diciamo che vorremmo vivere?

  • Fare di più non ci renderà felici più di quanto faremo felici ci renderà di più [riempi lo spazio vuoto].
  • Fare di più meglio inoltre non ci renderà felici.
  • Finché non guardiamo a ciò che genera vera felicità, non saremo soddisfatti e contenti, non importa quante caselle vengano controllate in un giorno.

La produttività è senza avvio senza suola.

Allinearsi con ciò che ci rende felici, appagati e vivi ci connette con il nostro essere. E quello di cui stiamo realmente parlando qui è onorare i nostri valori, quelle qualità indispensabili per l'essere che desideriamo esprimere per essere chi siamo veramente. Quindi, se i tuoi valori principali sono: creatività, avventura, compassione, divertimento e servizio, devono essere presenti da qualche parte nel Sacro Graal di GTD, nella tua vita quotidiana e collegati alla tua visione. Altrimenti, in poche parole, alla fine sarai infelice. E poiché miserabile è una parola spesso associata al lavoro, tutti questi valori parlano di questa domanda: la pubblicità

“Ma cosa succede se sono in un lavoro in cui devo accontentarmi delle richieste della compagnia e fare tutte queste cose, altrimenti?”

Se vogliamo essere pragmatici nel parlare della vita da valori a vista, o nella padronanza personale, e collegarlo a fare le cose, non posso fare a meno di pensare a Peter Senge:

La padronanza personale è il fondamento per lo sviluppo [visioni condivise]. Ciò significa non solo la visione personale, ma l'impegno per la verità e la tensione creativa - i tratti distintivi della maestria personale ... Coloro che contribuiranno maggiormente alla realizzazione di una visione elevata saranno quelli che possono “tenere” questa tensione creativa: resta chiara sulla visione e continua a indagare sulla realtà attuale. Saranno quelli che crederanno profondamente nella loro capacità di creare il loro futuro, perché questo è ciò che sperimentano personalmente.

Quindi, se lavoriamo per noi stessi, o in un'organizzazione, fare le cose deve essere basato su un continuum di apprendimento infuso dalla visione. Secondo Senge, “Le organizzazioni intente a costruire visioni condivise incoraggiano continuamente i membri a sviluppare le loro visioni personali. Se le persone non hanno una propria visione, tutto ciò che possono fare è iscriversi per qualcun altro. Il risultato è conformità, mai impegno.” Pubblicità

Al progetto The Bamboo, Michele Martin ci sfida a svegliarci per imparare nel suo post. Stabilisci le tue priorità per aggiungere valore o evitare dolore:

In sostanza, quello che vedo troppo spesso è che le cose come le pratiche burocratiche e le lunghe riunioni di rilevanza discutibile hanno la precedenza nella maggior parte delle organizzazioni per il tempo dedicato all'apprendimento. È come quello che succede in molti matrimoni, dove tutto tranne il rapporto della coppia è una priorità e poi la prossima cosa che sai, sei in un tribunale per il divorzio. Se ci pensi, “evitando il dolore” è un criterio piuttosto negativo e miope da usare nel decidere come trascorriamo le nostre giornate. Tende a metterci in un ciclo che crea ancora più dolore perché non ci concentriamo sui tipi di attività che ci costruiscono (individualmente o organizzativamente), ma sulle cose che ci costringono. Se credi di ottenere ciò su cui ti concentri (cosa che faccio), allora concentrarti sul dolore è solo un modo per continuare a invitarla nella tua vita.

Leggi Successivo

10 piccole modifiche per far sentire la tua casa come una casa
Cosa rende felici le persone? 20 segreti delle persone "sempre felici"
Come affinare le tue abilità trasferibili per un interruttore di carriera rapido
Scorri verso il basso per continuare a leggere l'articolo

Quindi, come possiamo cambiare la dinamica?

Chris Bailey di Bailey WorkPlay genera costantemente le risposte a domande come questa, e in un commento lasciato al sito di Steve Roesler-All Things Workplace-ci chiede di considerare chi è veramente in carica: Pubblicità

Mi sento schiacciato dal lavoro che si sente sempre più come un J-O-B. Sto perdendo la mia passione per questo. Posso davvero sentirlo allontanarsi come la marea dell'oceano. So quali sono i miei punti di forza e cosa amo fare ... e sento di non avere la possibilità di utilizzarli nel mio lavoro con la mia organizzazione. Ora, il mio manager ha letto Tutte le cose sul posto di lavoro?

Probabilmente no, ma si, dovrebbe. In questo caso, sono io che devo fare il primo passo per guidare la passione. Più in generale, a volte è il dipendente (o il manager pari) che ha bisogno di portare lei o il proprio manager al tavolo per questo dialogo. Sarebbe bello se tutti i manager avessero il promemoria che suggeriva di poter perpetuare la passione. Ciò potrebbe non essere del tutto giusto per mettere tutto questo ai loro piedi, però. Anche il dipendente deve essere lì. L'impiegato deve sapere cosa amano, cosa vogliono fare, cosa si collegherà al loro scopo ... e devono essere disposti a condividerli. E chissà ... forse il dipendente potrebbe guidare il manager ad una nuova comprensione di come collegare la loro passione e il loro scopo al lavoro che fanno.
E questo ci muove, come ogni cosa inevitabilmente, alla trasparenza e alla responsabilità personale. Di nuovo, Steve Roesler nel suo post, Un buon posto per usare un po 'di passione:

I manager non hanno lavori facili. Stanno cercando di prestare attenzione a te e agli altri membri del loro gruppo. Perché non ti appassionare a prendere un po 'di peso dalle spalle del tuo manager e iniziare semplicemente una conversazione su cosa ti passa per la testa? Se vuoi avere una buona opportunità di usare i tuoi talenti dove sei ora, prenditi la responsabilità di farlo accadere. Nulla riscalda il cuore di un manager più che vedere qualcuno che è appassionato di responsabilità.

Sì, so di aver virato un po '. Il modo in cui tutto questo si collega a me è che in innumerevoli conversazioni con i clienti, il tempo e la produttività sono sempre problemi, ma il vero crollo, scopriamo, è che c'è stata una mancanza di sostegno risonante, un valore per la consapevolezza della visione nell'individuo e luogo di lavoro.

Che cosa hai in mano, lettori Lifehack? Immergiti. Chiedi. Discutere.




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Aiuto, consigli e raccomandazioni che possono migliorare tutti gli aspetti della tua vita.
Un'enorme fonte di conoscenze pratiche su come migliorare la salute, trovare la felicità, migliorare le prestazioni di una persona, risolvere problemi nella sua vita personale e molto altro.