17 Tattiche per migliorare drasticamente la comunicazione nei rapporti

  • Joseph McCoy
  • 0
  • 3371
  • 653

Sei talentuoso, hai grandi idee e lavori sodo, ma spesso non ti riconosci, frainteso e dato per scontato.

Che si tratti di relazioni personali o lavorative, ti senti frustrato dalla frequenza con cui le persone possono interpretare erroneamente ciò che hai da dire.

Se solo ci fosse qualcosa che le persone potrebbero fare per leggere la tua mente e sentire le tue emozioni. Destra?

Scusate. Mentre qualcosa del genere non esiste, c'è la cosa migliore, ovvero prendere alcune semplici strategie per migliorare la comunicazione nelle relazioni.

Perché la comunicazione fallisce

L'amigdala, che è anche conosciuta come la “cervello di lucertola” è una parte a forma di mandorla del tuo cervello che è costantemente alla ricerca di tutto ciò che potrebbe essere dannoso per te. È fondamentalmente preoccupato per la tua sopravvivenza.

E mentre osserva la tua sopravvivenza fisica come nei momenti in cui c'è un serpente a sonagli nel tuo percorso durante un'escursione, cerca anche la tua sopravvivenza emotiva.

Questo è il motivo per cui quando qualcuno dice qualcosa che ti offende, innesca il tuo amigdala e in questo modo diventi difensivo. Diventa questo attacco e difendi la battaglia tra voi due.

E come sono sicuro che tu abbia provato, quando sei sulla difensiva durante una conversazione, di solito non si risolve nulla. Il danno è fatto, i sentimenti sono feriti e la relazione inizia a rompersi.

Ma ecco la cosa:

Per migliorare la tua comunicazione, devi prima imparare come aiutare le persone a sentirsi sicure a parlare con te implementando modi per calmare le loro amigdale per aiutarle ad avere conversazioni sincere.

Tattiche per migliorare la comunicazione nelle relazioni

Di seguito sono riportati 17 modi in cui puoi contribuire a migliorare la comunicazione nelle relazioni per coltivare spazi sicuri, sentirti più connesso e rafforzare i tuoi legami.

Nota: mentre uso la parola “compagno” per riferirsi alla persona con cui stai comunicando, queste tecniche si applicano a tutti i tipi di relazione, sia che incontri qualcuno di nuovo, un conoscente o un amico di vecchia data.

1. Mostra le tue mani

Secondo Vanessa Van Edwards, autore del libro affascinare, gli studi di eye tracking hanno dimostrato che la prima cosa che le persone effettivamente guardano quando incontrano qualcuno di nuovo sono le loro mani.

Mentre la maggior parte pensa che siano gli occhi, la bocca o il viso, il motivo per cui prima guardiamo le mani è quello di verificare rapidamente se siamo fisicamente al sicuro con la persona.

“Il motivo per cui [controllando le mani] è a causa di qualcosa di cui non siamo coscienti consapevolmente, ovvero quando non possiamo vedere le mani di qualcuno, la parte di paura della nostra amigdala inizia ad attivarsi.” -Vanessa Van Edwards

Van Edwards ha condiviso alcune ricerche affascinanti che mostravano quando gli imputati si mettevano le mani in grembo o le tasche dove i giurati non potevano vederli, i giurati valutano gli imputati come più subdoli, inaffidabili e difficili da andare d'accordo con.

Avere le mani visibili è semplicemente pratico come mostrare all'altra persona che non hai un'arma in mano. Quindi, sia che tu stia parlando pubblicamente, che incontri qualcuno di nuovo o che ti trovi in ​​contatto con un amico, assicurati di mostrarglielo.

Cosa fare?

Astenersi dal mettere le mani in tasca o dietro la schiena quando si parla con qualcuno. Potrebbe farli sentire come se avessi qualcosa da nascondere.

Usa le mani per riconoscere l'altra persona se è un'onda o una stretta di mano per aiutare. Questo aiuta la persona a mettere inconsciamente giù la sua guardia.

2. Toccare l'un l'altro

C'è una famosa storia su quando il professore di Harvard, Nathan Fox, PhD entrò in un orfanotrofio rumeno e notò quanto fosse silenzioso in una stanza piena di bambini. Si rese conto che ciò era dovuto al fatto che le grida dei bambini non venivano esaudite da quando arrivavano al punto da rinunciare a piangere per esprimere i loro bisogni.

I bambini erano sempre nelle loro culle tranne quando avevano bisogno di essere nutriti, lavati o cambiati.

Uno dei componenti chiave mancanti nella cura di questi bambini è stato il tatto. Non c'era alcuna interazione quotidiana che tenesse e coccolasse questi bambini per legarli con loro.

Le prove hanno mostrato risultati significativi di questi bambini che sono stati ritardati molto più a livello di sviluppo più tardi nella vita rispetto ad altri bambini cresciuti in famiglie amorevoli.

La scienza dimostra che il contatto umano innesca il rilascio dell'ossitocina, che è il “ormone d'amore”. È ciò che ti aiuta a provare i sentimenti di fiducia, devozione e legame. È stato anche dimostrato che ti aiuta a ridurre i livelli di stress.[1]

Cosa fare?

Incorporare le interazioni fisiche più appropriate nelle conversazioni. Una semplice stretta di mano lo farà per le persone con cui non sei così vicino.

Per gli amici più stretti, potresti voler incorporare più abbracci. Per i tuoi partner, sentiti libero di incorporare più coccole, massaggi e carezze. Pubblicità

3. Utilizzare ammorbidenti prima di chiedere informazioni

Fare domande è importante per aiutarti a capire da dove viene il tuo partner, ma se lo chiedi nel modo sbagliato, potrebbe innescare una risposta difensiva.

È importante assicurarsi che non sembri come se stessi interrogando la persona, ma piuttosto mostrare che sei sinceramente interessato a saperne di più sulla storia e sui sentimenti dell'altro.

Un modo per aiutare il tuo partner a sentirsi più aperto a rispondere alle tue domande senza essere sulla difensiva è usando gli ammorbidenti per le tue domande per mostrare che la domanda proviene da un luogo di curiosità piuttosto che da accusa.

Cosa fare?

Inizia le tue domande con frasi come “Per curiosità… ” o “Solo per essere sicuro di essere sulla stessa pagina ... ” contribuirà a impedire che l'altra persona si difenda.

Piuttosto che iniziare la domanda con “Perché” inizia la domanda con “Che cosa”. Ad esempio, invece di chiedere “Perché dovresti farlo?” Puoi chiedere “Cosa ti ha fatto fare questo?”. O per renderlo ancora più gentile, puoi chiedere, “Per quanto riguarda la situazione in cui ti trovavi, lo fai?”

4. Mantieni le cose semplici

Hai mai avuto qualcuno che cercava di spiegarti qualcosa ed era oltre la tua comprensione?

Tutti pensiamo diversamente e talvolta è difficile comunicare qualcosa ad altre persone, soprattutto se si hanno diversi background personali e professionali.

La ragione di questo è ciò che Chip e Dan Heath chiamano il “maledizione della conoscenza” dove sei così inghiottito nel tuo mondo che non puoi fare a meno di usare il linguaggio segreto quando cerchi di spiegare qualcosa a qualcuno che non ha familiarità con ciò che fai.

Questo è il motivo per cui è importante avere familiarità con chi stai parlando. Mentre puoi parlare a un collega in un modo, potresti dover spiegare le cose in modo diverso ad un amico quando cerchi di spiegare la stessa cosa.

Cosa fare?

Evitare l'uso di un linguaggio interno che la persona media potrebbe non capire.

Quando spieghi qualcosa che sei molto più fluente rispetto all'altra persona, fai pratica spiegando le cose in modo che tutti possano capire. Ecco un esempio:

Complicato: “Oggi mi sono preso cura del mio primo paziente al pronto soccorso e ho visto letteralmente gli effetti dopaminergici del vasopressore che abbiamo dato quando ha riportato il battito cardiaco e la MAP”

Semplice: “Oggi ho curato il mio primo paziente nel pronto soccorso e ho visto come la droga che gli abbiamo dato gli ha salvato la vita”

Assicurati di non spiegare le cose in modo accondiscendente. A volte può essere frustrante quando ci vuole del tempo perché qualcuno capisca quello che stai cercando di spiegare, ma vederlo mentre stai informando una persona intelligente piuttosto che aiutare una persona lenta a raggiungere.

5. Crea “Anche a me” momenti

È facile rimanere intrappolati nel parlare di te stesso senza nemmeno accorgersi se l'altra persona è interessata o meno. Questo tende ad accadere specialmente quando hai qualcosa di eccitante da condividere.

Ciò che la maggior parte della gente non si rende conto è che i grandi comunicatori sanno come cercare e creare momenti in cui l'altra persona pensa nel loro cervello “Oh mio Dio, anch'io!”

Questo aiuta a promuovere un senso di legame e apertura che crea uno spazio per una migliore comunicazione.

Cosa fare?

Mentre ascolti l'altra persona durante una conversazione, prendi appunti mentali. Di quali cose si eccita di parlare? Che tipo di background e visione del mondo ha? Quindi inizia a fare domande su questi argomenti e inizia una discussione.

Anche se sei tu a parlare, è una buona idea prestare attenzione al linguaggio non verbale dell'altro per vedere se stanno risuonando o connettendosi con ciò che stai condividendo.

Se sembrano interessati, dai un momento per rispondere e condividere con te su come possono relazionarsi. Se sembrano disinteressati, gira la conversazione e fai domande su di loro per vedere se c'è qualcosa che dicono che ti farà dire “Anche a me!”

6. Interrompi solo se assolutamente necessario

Probabilmente sai cosa si prova quando sei nel bel mezzo della condivisione di qualcosa e qualcuno ti interrompe eccitato perché ha qualcosa che vogliono dire. La conversazione viene dirottata e viene consegnata all'altra persona senza che tu possa mai finire ciò che volevi dire.

Quando interrompi qualcuno, mostra chiaramente due cose:

In primo luogo, non stai ascoltando ma stai piuttosto aspettando l'opportunità di spifferare qualcosa a cui stavi pensando.

In secondo luogo, sei più concentrato sui tuoi pensieri piuttosto che su quelli della persona che parla.

Cosa fare? Pubblicità

Aspetta che l'altra persona finisca di parlare. L'unica volta che potrebbe essere opportuno interrompere qualcuno è se si è in una situazione di tempo e le cose stanno iniziando a andare fuori tema.

Pratica l'ascolto attivo. Cerca di non preoccuparti di una risposta spiritosa da dire, ma piuttosto di prestare attenzione a ciò che l'altra persona sta cercando di esprimere. Quindi prenditi un momento per prenderlo e rispondere.

7. Specchia il cervello del tuo partner

Le due metà del tuo cervello funzionano in modo molto diverso. Il tuo emisfero destro è il lato emotivo del tuo cervello e il tuo cervello sinistro è il lato logico.

È importante sapere da quale parte del cervello sta parlando il tuo partner in modo da poter rispondere in modo appropriato.

Ad esempio, immagina di voler condividere la tua giornata di lavoro orribile e il tuo partner ha appena risposto con suggerimenti su cose che avresti dovuto fare diversamente senza riconoscere i tuoi sentimenti.

Oppure, il rovescio della medaglia, immagina che hai solo bisogno di capire come riparare un tubo che perde nella casa e il tuo partner inizia a chiederti come ti senti a riguardo.

Questo è il motivo per cui è importante utilizzare lo stesso lato del cervello che il tuo partner sta utilizzando per connettersi e migliorare la comunicazione.

Cosa fare?

Ascolta il tuo partner e identifica da quale parte del cervello sta parlando. Chiediti, sta cercando di esprimere un sentimento per te o di cercare di capire qualcosa con te?

Se la conversazione riguarda il tentativo di trovare una risposta a un problema o una domanda specifici, allora rispondi di conseguenza con il tuo lato logico confrontandoli con il brainstorming.

Se la conversazione riguarda una storia che il tuo partner sta cercando di dirti che mostra come si sente, rispondere con empatia e convalidare i propri sentimenti con il proprio lato emotivo.

8. Comunicare i tuoi sentimenti attraverso le storie.

Quando dici a qualcuno che ti senti arrabbiato, quella persona sarà in grado di osservare il fatto che sei in uno stato di collera, ma questo è quanto più lontano andrà.

Se tuttavia condividi una storia su come il tuo capo ha fatto un commento scortese e impreciso davanti a tutto il personale, il tuo partner può immaginarsi nei suoi panni e capire cosa potrebbe sembrare.

Questo è il motivo per cui ci possiamo perdere in un grande film. Le storie hanno il potere di portarti nelle esperienze di qualcun altro.

Soprattutto, aiuta le persone a sentire quello che senti.

Cosa fare?

Esercitati a esprimere le tue esperienze e i tuoi sentimenti attraverso le storie. Cerca di essere dettagliato.

Ad esempio, non dire solo che hai avuto una brutta giornata. Condividi i dettagli specifici su cosa è successo:

  • Chi c'era?
  • Come ti sei sentito quando è successo?
  • Cosa ne pensi causato?

9. Dare molte espressioni micro positive

Lo psicologo influente, il dott. Paul Ekman, ha aiutato a coniare il termine “micro espressioni.”[2] Lo definisce come espressioni facciali involontarie che si verificano entro 1/25 di secondo, in grado di riflettere accuratamente le vere emozioni di una persona.

Queste micro espressioni possono essere positive o negative e la ricerca ha dimostrato l'impatto irresistibile che hanno su altre persone.

Vanessa Van Edwards ha condiviso che gli studi hanno dimostrato che i dipendenti che hanno ricevuto espressioni micro-negative dai loro manager hanno ottenuto risultati molto peggiori rispetto ai dipendenti che hanno ricevuto espressioni di micro positivi nonostante le orgogliose affermazioni del manager che tratta tutti i dipendenti allo stesso modo.

Le micro espressioni sono esattamente la ragione per cui a volte puoi percepire se un colloquio di lavoro è andato bene o no.

Che si tratti di un rapido roteare degli occhi, di un cipiglio o di sopracciglia arricciate, questi sono tutti comportamenti micro-negativi che possono far sì che il tuo partner non si senta sicuro di connettersi con te.

Espressioni micro-positive come sorrisi autentici, cenni e inclinazioni aiuteranno il tuo partner a sentirsi più aperto a comunicare con te.

Leggi Successivo

Perché tu e il tuo partner non avete bisogno di parlare la stessa lingua d'amore per stare insieme
Perché alcune persone hanno una mancanza di empatia (e come affrontarle)
19 Consigli di relazioni d'oro da parte degli esperti
Scorri verso il basso per continuare a leggere l'articolo

Cosa fare?

  • Appoggiati per mostrare al tuo partner che sei fidanzato e pronto ad ascoltare ciò che lui / lei ha da dire.
  • Annuisca durante la conversazione per mostrare che stai ascoltando.
  • Rilassa il tuo corpo e tira indietro le spalle.
  • Rispondere con un sorriso quando appropriato.

10. Dai la tua totale attenzione

Immagina di essere a cena con il tuo partner e condivide qualcosa di importante con te, ma ti ritrovi costantemente distratto.

Ci sono così tante cose in competizione per la tua attenzione, che sia il tuo telefono che ronza, le persone che passano, o tutto il trambusto che va avanti in lontananza nel ristorante.

Quando ti distrai, è facile per le altre persone notarlo e questo può innescare l'amigdala del tuo partner per combattere con rabbia la tua attenzione o disimpegnarti. Ad ogni modo, questo non promuove uno spazio sicuro per una buona comunicazione. Pubblicità

Cosa fare?

Cerca di eliminare qualsiasi distrazione al meglio delle tue capacità:

  • Trasforma il tuo telefono a faccia in giù e mettilo in silenzio.
  • Mantenere il contatto visivo. In questo modo si rilascia ossitocina nel cervello e si coltiva fiducia e connessione.[3]
  • Durante le conversazioni importanti, se l'ambiente è troppo rumoroso o ha troppe persone in giro, considera di passare a uno spazio più calmo e sicuro.

11. Scopri come il tuo partner si sente apprezzato

Il Dr. Gary Chapman spiega nel suo bestseller book, Le cinque lingue d'amore, su come ognuno ha modi specifici in cui si sente più amato e apprezzato. Li classifica in “amare le lingue” e ci sono cinque tipi: regali, parole di affermazione, atti di servizio, tocco e tempo di qualità.

Le lingue d'amore possono essere apprese tutte e quando capisci qual è il migliore per parlare al tuo partner, la tua comunicazione reciproca migliorerà in modo significativo.

Gli occhi del tuo partner si illuminano quando fai un regalo premuroso? Quindi il linguaggio dell'amore è doni.

O forse lui / lei si illumina e si eccita dopo aver avuto una conversazione lunga e profonda. Quindi la lingua d'amore è tempo di qualità.

O forse dopo essere tornato a casa da una lunga giornata, il tuo partner ha solo bisogno di coccole e ricevere un bel massaggio. Quindi il linguaggio dell'amore è il tatto.

Cosa fare?

Usa la valutazione della lingua d'amore per te stesso per imparare non solo per te stesso, ma anche per imparare come identificare le lingue d'amore di altre persone.

Tu e il tuo partner non avete bisogno di parlare esattamente le stesse lingue d'amore per stare insieme, avete solo bisogno di capire veramente le rispettive lingue. Scopri come:

Perché tu e il tuo partner non avete bisogno di parlare la stessa lingua d'amore per stare insieme

12. Incontra il livello di eccitazione del tuo partner.

Immagina che il tuo partner ritorni a casa emozionato e voglia dirti delle ottime notizie. Hai avuto una lunga giornata e ora sei impegnato a preparare la cena per rispondere in modo reattivo, “Puoi resistere e spostarti? La pasta sta bollendo, il bambino sta piangendo e il tavolo non è ancora pronto”.

Quando finalmente ti sistemerai a tavola, chiedi al tuo partner quali sono state le grandi novità. Con la sua eccitazione ora sgonfiata, lui / lei risponde senza entusiasmo “Oh, non è un grosso problema, ma alla fine ho ottenuto quella promozione che stavo cercando” a cui rispondi “È fantastico! Puoi passare il sale?”

Uno dei sentimenti più difficili si verifica quando condividi alcune notizie interessanti e l'altra persona non soddisfa il tuo livello di entusiasmo.

Ora immagina dal precedente esempio come sarebbe diverso per il tuo partner quando tornerà a casa per condividere le notizie eccitanti e spegnerai la stufa e con uno sguardo di anticipazione chiedi “Che cos'è?“. Condivide la bella notizia e voi due saltate su e giù e poi andate a far aprire una bottiglia di champagne per servire con la cena.

Incontrare i tuoi partner al loro livello di eccitazione nel momento in cui accade comunica che sei disposto a essere presente con loro durante i loro momenti di gioia.

Cosa fare?

Quando senti l'eccitazione del tuo partner, ferma ciò che stai facendo per un breve momento e poi unisciti all'entusiasmo. Questo aiuterà a rilasciare l'ormone della felicità, la serotonina, in entrambi i cervelli e ti darà una spinta nel tuo umore.

13. Uccidi chiacchiere

Hai mai avuto una conversazione come questa?

“Come stai?”

“Sto bene! E tu?”

“sono bravo anche io!”

(Silenzio imbarazzante)

Piccoli discorsi ti mettono in autopilota perché senti lo stesso tipo di domande e ti dà l'abitudine di dare abitualmente le stesse risposte.

Porre domande interessanti e coinvolgenti accenderà il cervello delle persone e convincerle a pensare attivamente piuttosto che a reagire alle conversazioni di routine.

Cosa fare?

Prova a fare domande a cui sei realmente interessato e ti piacerebbe sentire le risposte a:

  • Invece di chiedere “Come stai?” dì qualcosa come “Raccontami la tua giornata.”
  • Invece di chiedere “Cosa fai?” chiedi qualcosa di simile “Lavorare su qualcosa di eccitante in questi giorni?”
  • Invece di chiedere “Di dove sei?” chiedi qualcosa di simile “Hai delle vacanze in arrivo?”

14. Rispondere piuttosto che reagire

Quando senti una certa emozione dopo che il tuo partner ha condiviso qualcosa di stimolante con te come un disaccordo, è facile reagire e dare una risposta senza pensare. Molte volte questo porta alla difensiva e diventa meno aperto alla conversazione produttiva. Pubblicità

Portare semplicemente consapevolezza a te stesso in questi momenti ti dà il potere di fare una scelta e usare la parte pensante del tuo cervello per valutare come rispondere al meglio alla situazione. Invece di far subentrare l'amigdala facendoti reagire e alzare le tue mura per difenderti, prenditi un momento per essere consapevole di ciò che sta accadendo.

Esprimere verbalmente ciò che sta accadendo fa molto. Ad esempio, in questo momento puoi semplicemente esprimere “Mi sento inadeguato in questo momento perché ... ”

Solo dare un senso alla situazione ti aiuta a uscire da una modalità reattiva e ti mette in una modalità proattiva in cui puoi prendere decisioni migliori per migliorare la tua comunicazione.

Cosa fare?

A volte il tuo partner non è d'accordo con te o dice qualcosa con cui non sei d'accordo, prenditi un momento per notare se ti senti difensivo o meno. Soprattutto se ti senti ferito.

Quindi prenditi un momento per chiederti, come mi sento adesso? Verbalizza quella sensazione per il tuo partner.

Successivamente, pensa a come puoi rispondere al meglio alla situazione per renderla una conversazione produttiva piuttosto che distruttiva.

15. Diventa un evidenziatore

Quello che gli psicologi chiamano l'effetto Pigmalione è stato dimostrato che le persone si fanno grandi aspettative quando vengono eseguite correttamente.

Ad esempio, se comunichi sinceramente al tuo amico “È stata una tale fonte di ispirazione vedere quanto sei dedicato all'insegnante. Posso davvero vedere quanto sei forte e coraggioso per assicurarti che i tuoi studenti prosperino perché continui a lavorare anche quando diventa difficile.”

È probabile che il tuo amico provi e continui a lavorare duramente per sostenere questa aspettativa di essere una persona coraggiosa.

Comunicare in questo modo non solo aiuta il tuo partner a crescere, ma aiuta anche a sentirsi più attratti da te e ad essere più aperti alla conversazione.

Quindi, mentre continui a comunicare ed evidenzia ciò che trovi impressionante nel tuo partner, potresti notare che si stanno intensificando per continuare a migliorare in questo modo.

Cosa fare?

  • Quando presenti un amico a qualcuno, non limitarti a presentare i loro nomi, ma menziona anche una cosa che ti piace o che trovi interessante su di lui o lei.
  • Avvia un diario di ringraziamento sul tuo partner e registra ogni volta che sei grato per qualcosa su di lui o lei.
  • Evidenzia qualsiasi crescita e miglioramento che noti al tuo partner. Ciò aumenterà le loro possibilità di successo e persistenza quando le cose si fanno difficili.

16. Aiutaci a mostrare al tuo partner che è giusto provare sentimenti

Nelle culture in cui mostrare le tue emozioni può essere considerato un segno di debolezza, un equivoco nasce dal fatto che i sentimenti di disagio sono qualcosa di brutto. Si attiva una catena di interazioni insalubri tra le persone quando si tenta di comunicare in modo chiaro.

Ad esempio, se sei cresciuto credendo che piangere sia un segno di debolezza, rischia anche di essere a disagio quando qualcun altro piange di fronte a te.

Questo è il motivo per cui molte persone reagiscono provando a farlo “fissare” le emozioni del partner offrendo suggerimenti su cosa fare piuttosto che semplicemente ascoltando ed empatizzando.

I sentimenti non sono pensati per essere riparati o evitati. Sono fatti per essere sentiti, non importa quanto scomodi.

Cosa fare?

Mostra al tuo partner che è giusto sentire i suoi sentimenti semplicemente convalidandoli. Ad esempio, se ti parla di qualcosa di sconvolgente che è successo al lavoro, puoi rispondere “Questo fa davvero schifo. Sarei stato incazzato anche io se fossi nella stessa situazione”.

Questo tipo di risposta mostra che i sentimenti che il tuo partner sta vivendo sono sentimenti validi che vanno bene per esperienza.

Se ti senti a disagio, farà sentire a disagio anche il tuo partner e potrebbe far sentire che c'è qualcosa di sbagliato nel provare tali sentimenti.

17. Abbraccia la vergogna con empatia

L'empatia è da sola il modo più importante per migliorare la comunicazione nelle relazioni. E i momenti in cui hai più bisogno di avere empatia è quando il tuo partner sta avendo un momento di vergogna.

Esperta di vergogna e vulnerabilità, la dottoressa Brene Brown elenca alcuni scenari che causeranno problemi di comunicazione tra loro. È probabile che tu abbia sperimentato cosa significa tutto questo:

  • L'amico che ascolta la tua storia e in realtà prova vergogna per te. Lui / lei ansima e conferma quanto dovresti essere inorridito e poi c'è silenzio imbarazzante. Ora ti senti bloccato come se tu fossi quello che ha bisogno di aiutare il tuo amico a sentirsi meglio.
  • L'amico che risponde con comprensione di cui è una risposta “Mi sento così dispiaciuto per te” piuttosto che empatia. Ad esempio, l'amico risponde “Oh, poverina.”
  • L'amico che ha fatto affidamento su di te per essere il pilastro della dignità e dell'autenticità, ma il tuo partner non può aiutarti perché è deluso dalle tue imperfezioni che tu gli hai lasciato cadere.
  • L'amico che è così a disagio con la vulnerabilità che ti rimprovera. vale a dire. “Come hai permesso che questo accadesse?”
  • L'amico che fa tutto per renderlo migliore e dai suoi stessi disagi rifiuta di riconoscere che i tuoi sentimenti sono a posto.
  • L'amico che confonde la connessione con l'opportunità di unirti a te. vale a dire. “Non è niente! Ascolta bene cosa mi è successo!”

Cosa fare?

Esercitati a rispondere con empatia quando il tuo partner sta comunicando la vergogna con te. La dottoressa Theresa Wiseman condivide le opinioni sui quattro attributi dell'empatia:

  • Essere in grado di vedere il mondo come gli altri lo vedono. Ciò richiede di mettere da parte la tua prospettiva per vedere la situazione attraverso gli occhi del tuo partner.
  • Essere non giudicante. Il giudizio invalida la situazione del tuo partner ed è in realtà un meccanismo di protezione per evitare di sperimentare il disagio e il dolore della situazione.
  • Per capire i sentimenti di un'altra persona. Per fare questo, devi essere consapevole dei tuoi sentimenti per capire il tuo partner.
  • Per comunicare la tua comprensione dei sentimenti di quella persona. Piuttosto che cercare di far sentire meglio il tuo partner o “fissare” cose con risposte simili “Almeno non è peggio di ... ” o “Dovresti… ” prova a connetterti e convalidare i loro sentimenti dicendo cose come “Questo fa schifo ... ” o “Odio quando ciò accade perché fa davvero male ... ” Brene Brown ti dà un ottimo suggerimento su come immedesimarti soprattutto se non sei mai stato nella stessa situazione del tuo partner. Lei suggerisce “Sembra che tu sia in un posto difficile ora. Dimmi di più.”

Coltiva uno spazio sicuro per una migliore comunicazione

Alla fine della giornata, la cosa più necessaria per migliorare la comunicazione è aiutare a stabilire uno spazio sicuro tra la persona con cui sei in una conversazione.

Se non ti senti al sicuro con la persona con cui stai parlando, diventerai automaticamente difensivo nella tua conversazione. Invece di ascoltare realmente ciò che l'altra persona ha da dire, potresti essere pre-occupato e pianificando ciò che vuoi dire in risposta in modo da poterti posizionare come competente o farti apparire meglio.

Tutte le tecniche elencate qui sono semplicemente dei modi per aiutare a disarmare il cervello delle persone dall'entrare nella modalità di difesa e sentirsi sicuri di avere una conversazione onesta e sincera con te. A sua volta, ciò comporterà uno scambio sano di ascolto e risposta autentici.

Vai avanti, provale tutti!

Credito fotografico in primo piano: Jacob Ufkes tramite unsplash.com

Riferimento

[1] ^ NPR: i collegamenti umani iniziano con un tocco amichevole
[2] ^ Dr. Paul Ekman: Micro Expressions
[3] ^ The Liberators International: World's Biggest Eye Contact Experiment (versione ufficiale 2015)



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Aiuto, consigli e raccomandazioni che possono migliorare tutti gli aspetti della tua vita.
Un'enorme fonte di conoscenze pratiche su come migliorare la salute, trovare la felicità, migliorare le prestazioni di una persona, risolvere problemi nella sua vita personale e molto altro.